1 1

Il Consiglio di interclasse nella scuola primaria è composto da tutti i docenti e da un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi interessate; presiede il Dirigente Scolastico od un docente, da lui delegato. Il Consigli di interclasse hanno il compito di formulare al Collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e a iniziative di sperimentazione nonché quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.

CALENDARIO CONSIGLI DI INTERCLASSE (orario per la partecipazione componente Genitori)

  • 23 Ottobre, h. 17.45 – 18.15;
  • 12 Febbraio, h. 17.45 - 18.15;
  • 7 Maggio, h. 17.45 – 18.15.

FUNZIONI DEGLI INSEGNANTI PRESIDENTI DEI CONSIGLI DI INTERCLASSE:

  • Presiedono il Consiglio di Interclasse in caso di assenza o impedimento del Dirigente scolastico;
  • Comunicano al Dirigente eventuali situazioni problematiche individuate e discusse nel corso delle sedute dei Consigli di Interclasse;
  • Raccolgono le programmazioni e le relazioni finali dei Docenti del Consiglio di Interclasse.

Il Consiglio di classe nella scuola secondaria di 1° è composto da tutti i docenti della classe, più quattro rappresentanti dei genitori, eletti ogni anno. Il coordinatore e il segretario sono nominati dal dirigente. Il Consiglio di classe, ha il compito di formulare al Collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e a iniziative di sperimentazione nonché quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni. Il C. di C. si svolge alla presenza dei soli docenti quando ha il compito di realizzare il coordinamento didattico, i rapporti interdisciplinari e la valutazione periodica e finale degli alunni.

Il Consiglio d'Istituto è composto dal D.S., da 8 docenti, da 8 genitori e da 2 rappresentanti del personale non docente. E' presieduto da uno dei suoi componenti eletto tra i rappresentanti dei genitori degli alunni. I rappresentanti dei genitori vengono eletti nel corso di assemblee convocate dal dirigente scolastico. Il Consiglio d'Istituto, a sua volta, elegge al suo interno la Giunta Esecutiva.

FileDimensione del File
Scarica questo file (cdi-regolamento_cdi.pdf)Regolamento del Consiglio di Istituto71 kB

Il Collegio dei Docenti è composto dal D.S. e da tutti i docenti dell'Istituto. Si riunisce in orari non coincidenti con le lezioni, su convocazione del Dirigente scolastico o su richiesta di almeno un terzo dei suoi componenti, ogni volta che vi siano decisioni importanti da prendere.
Riferimenti normativi: art. 7 del Decreto Legislativo 297/1994.

Il Collegio, tra le sue funzioni:

  • delibera in materia di funzionamento didattico
  • formula proposte al D.S. per la formazione e la composizione delle classi e delle sezioni, per la formulazione dell' orario delle lezioni e per lo svolgimento delle altre attività scolastiche, tenuto conto dei criteri generali indicati dal consiglio d'Istituto
  • provvede all'adozione dei libri di testo e alla scelta dei sussidi didattici
  • adotta e promuove iniziative di sperimentazione
  • promuove iniziative di aggiornamento dei docenti
  • elegge i docenti incaricati di F.S. e i suoi rappresentanti negli OO.CC.

Comitato valutazioneLa legge n. 107/2015 stabilisce di costituire in ogni istituzione scolastica un “Comitato per la valutazione e merito dei docenti”. Il CVD ha durata di tre anni ed è composto dal dirigente scolastico che lo presiede, da tre docenti, due genitori e un componente esterno. Il collegio dei docenti sceglie due dei tre docenti del CVD, mentre il consiglio d’istituto sceglie il terzo docente e i due genitori; l’Ufficio Scolastico Regionale – d’ora in avanti USR – individua il componente esterno (tra docenti, dirigenti scolastici e dirigenti tecnici).

I compiti del comitato:

  • individua i criteri per la valorizzazione dei docenti i quali dovranno essere desunti sulla base di quanto indicato nelle lettere a),b),e c) dell’art.11
  • esprime il proprio parere sul superamento del periodo di formazione e di prova per il personale docente ed educativo
  • valuta il servizio di cui all’art.448 su richiesta dell’interessato, previa relazione del dirigente scolastico, ed esercita le competenze per la riabilitazione del personale docente, di cui all’art.501.